LA MICROMOBILITÀ

Negli ultimi anni, il panorama della mobilità urbana ha subìto una rivoluzione silenziosa ma significativa in tutto il mondo, con un crescente interesse per la micromobilità. Veicoli come monopattini e biciclette elettriche stanno guadagnando popolarità come mezzi di trasporto alternativi soprattutto nelle città più congestionate. In questo contesto, l’Italia e il resto d’Europa stanno assistendo a un aumento esponenziale nell’adozione di questi mezzi.

Secondo il rapporto pubblicato da Legambiente nel 2022, l’Italia ha visto un notevole incremento nell’uso di veicoli a due ruote nelle città. Trend in linea con quello europeo, dove la micromobilità è vista anche come un’alternativa più sostenibile nella lotta contro l’inquinamento nei contesti urbani. 

Numerose le città italiane che a fronte della crescita delle vendite, hanno realizzato infrastrutture dedicate, incentivando ulteriormente l’uso di monopattini e biciclette elettriche, mezzi che non solo offrono una soluzione ecosostenibile ma aiutano a ridurre anche il traffico nelle aree urbane.

A livello europeo, paesi come Olanda, Danimarca e Germania hanno da tempo abbracciato la cultura della bicicletta. Tuttavia, recentemente, anche nazioni come Francia, Spagna e Regno Unito stanno investendo massicciamente nell’infrastruttura per la micro mobilità. Inoltre, la presenza di servizi di sharing di biciclette e monopattini elettrici è diventata comune in molte città europee.

Ma, nonostante il crescente entusiasmo per la micromobilità, diverse sono le sfide da affrontare. Ai primi posti la sicurezza degli utenti, la gestione del traffico e la creazione di infrastrutture sicure e adeguate al traffico dei nuovi veicoli urbani. Tutti aspetti che richiedono l’attenzione delle amministrazioni pubbliche locali e nazionali. 

Il fenomeno della micromobilità e della definizione di una nuova idea di mobilità condivisa, sta trasformando la tradizionale concezione di trasporto urbano. Con l’adozione continua di politiche favorevoli e investimenti mirati, il futuro della mobilità urbana sembra essere sempre più verde e tecnologicamente più avanzato. Sia in Italia che in Europa, è in corso un cambiamento culturale, che porta gli utenti a scegliere mezzi di trasporto più sostenibili ed efficienti in un’ottica di un sempre maggiore rispetto per l’ambiente.

Leggi il secondo numero di WAVE - Smart Mobility Magazine

Smart Ways: Le nuove strade della mobilità tra terra, cielo e mare”

Leggi WAVE Magazine